Skip to content

December 1, 2010

33

tecniche di memoria: mappa mentale

Con questo post siamo quasi alla fine del trend sulle tecniche di memoria.

Molto di più ci sarebbe da dire, ma queste info vogliono essere un’infarinatura su quelle che sono le tecniche di memoria e come si possono usare in università e nello studio.

Velocemente ti ricordo cosa abbiamo visto nelle puntate precedenti

Prima di proseguire, ecco lo schema in 8 punti di questo post sulle mappe mentali:

  1. le mappe mentali sono lo strumento più veloce per: studiare, memorizzare, riassumere, schematizzare, prendere appunti
  2. in una mappa riesci a sintetizzare decine di pagine
  3. risparmi tempo, spazio e ti rende più concentrato
  4. la mappa mentale sfrutta il modo di ragionare e memorizzare della mente
  5. per disegnare una mappa mentale, inizia mettendo il foglio in orizzontale. Parti dal centro e scrivi il titolo del libro o del paragrafo come vedi in questa foto
  6. ogni argomento principale è indicato da una freccia ed una parola chiave, come vedi nella foto precedente
  7. se vuoi aumentare il dettaglio delle informazioni, basta inserire altre parole come vedi qui
  8. rendi vivace la tua mappa, con colori e disegni che ti richiamino i concetti. Ti aiuteranno nella memorizzazione

Prima di tutto abbiamo parlato di atteggiamento e ti ho spiegato qual è l’approccio migliore, secondo me, per avvicinarsi a queste tecniche. Senza una motivazione forte, le tecniche migliori non servono. Poi ti ho dato dei suggerimenti su come sfruttare la creatività, per sviluppare l’emisfero che di solito dorme quando studi (il destro). L’ultimo post è stato dedicato alla prima tecnica di memoria, che in realtà è un antipasto delle tecniche più complesse.

Oggi invece vediamo un modo completamente diverso, rispetto a quello che ti hanno insegnato, di schematizzare i concetti.

Si chiama mappa mentale e sono state rese famose da Tony Buzan, psicologo americano.

Le mappe mentali sono un ottimo strumento semplice, conciso e creativo, per:

  • sintetizzare concetti,
  • riassumere testi,
  • preparare esami,
  • prendere appunti,
  • stilare una scaletta per un discorso,
  • pianificare la giornata,
  • scrivere gli obiettivi dell’anno

insomma per ogni azione che richieda una pianificazione scritta!

Il vantaggio nell’applicazione di questo metodo sono:

  • estrema sintesi: puoi sintetizzare anche 40 pagine in 1 sola mappa
  • sviluppo della creatività: mantieni allenata la mente disegnando
  • concentrazione: occorre essere estremamente concentrati per scrivere un concetto in 1 parola
  • versatilità: vedrai come è facile aggiungere nuovi concetti anche a discorso inoltrato
  • facilità: è stato sudiato che la mente ragiona proprio come una mappa mentale

Partirei proprio dall’ultima caratteristica.

La mente ragiona come una mappa mentale. Ci hanno sempre insegnato che uno schema parte dal titolo messo in alto, e via via si aggiungono informazioni sotto.

Invece la nostra mente pone il titolo, cioè il tema generale di cui si vuol parlare, al centro, e da li si dirama a macchia d’olio con informazioni sempre più specifiche. Quindi i concetti generali sono nel centro, mentre quelli più dettagliati e specifici, alla periferia del foglio ( e della tua mente).

Se è la prima volta che ti avvicini alle mappe mentali, posso immaginare che questa spiegazione sia non immediata, quindi ti faccio vedere delle immagini di mappe mentali così ci intendiamo.

Con la prima immagine, seppur rudimentale, ti presento le mappe mentali. (clap clap clap) 😀

Come vedi si parte dal centro, nel quale inserisici il titolo, e da lì dirami tutti i concetti principali con delle linee. Poi inserisci parole chiave intorno al titolo che saranno quelle parole che ti richiameranno i concetti principali.

Ricorda che si procede sempre in senso orario e preferibilmente partendo dall’alto (h 13).

In questo caso c’è solo 1 livello di informazioni, ma ne puoi mettere quante ne vuoi.

Vediamo ora una mappa che ha più livelli. Ricorda che ogni livello in più rappresenta informazioni sempre più precise e specifiche.

Come vedi nella seconda immagine, le mappe mentali hanno questa struttura a macchia d’olio.

In più questa immagine pone l’attenzione su altri 2 concetti importanti: visual e colori.

I visual sono dei disegni che richiamano la parola, mentre i colori sono importanti per dare vivacità e sollecitare la creatività. Inoltre sono molto importanti per ricordarsi la mappa. Pensa se le immagini che ti ho fatto appena vedere siano in bianco e nero. 😮 La differenza è notevole! 🙂

C’è poco da fare, all’emisfero creativo (dx) piacciono: colori, disegni e linee morbide, arrotondate e curvilinee, al contrario dell’emisfero razionale (sx) che vede in bianco e nero, usa linee dritte e non sa che siano i disegni! 😀

L’obiettivo delle tecniche di memoria è quello di farti risparmiare tempo nello studio, e per farlo, un ottimo incentivo è far parlare i due emisferi del tuo cervello! 😉

Quindi abbiamo visto graficamente come si compila una mappa mentale, ma per quanto riguarda i contenuti?

Diamo un’occhiata alla terza mappa

Cosa noti dall’immagine? Ed Oltre al fatto che sia scritta a mano? 😀

Ti do un suggerimento: le parole. Noti forse frasi lunghe e complete? O piuttosto parole chiave?

Il segreto di una buona mappa mentale è proprio quello di sintetizzare un concetto di diverse righe o pagine, in una o due parole chiave che richiamino il discorso.

In questo modo puoi riassumere 20, 30, 40 o anche 50 pagine in 1 sola mappa!

Io ho preparato esami da 500 pagine in 7 mappe.

Il vantaggio qual è? Il vantaggio concreto, parlando di preparazione degli esami, è che una volta capito il concetto, messo sulla mappa e memorizzata la mappa stessa, per i ripassi, non ti serve più aprire il libro, basta sfogliare le mappe.

Ora secondo te, è più pratico ripassare un libro da 500 pg o 7 fogli? 🙂

Tutto bello, ma come si fa?

Abbi pazienza, ma questo te lo spiego la prossima volta. 😉

Nel prossimo post vediamo come trovare le parole chiave adatte e come memorizzare la mappa.

Intanto prendi familiarità con le mappe rileggendo questo post e guardando le varie immagini.

Buona giornata ed alla prossima.

Cristian

33 Comments Post a comment
  1. Feb 7 2011

    Niente di più vero!Le mappe mentali sono un ottimo modo per organizzare lo studio, per ripassare, prendere appunti. Le ho da subito trovate utilissime!

  2. admin
    Feb 8 2011

    Ciao Simona,
    grazie della tua testimonianza.
    Da quanto tempo le usi? In che modo ti hanno aiutato?
    Vuoi dirci qualcosa in più che può aiutare anche gli altri lettori?
    Ciao
    Grazie

    Cristian

  3. Derek
    Apr 8 2011

    Ciao Cristian !! Complimenti ! Hai fatto un ottimo lavoro su questo blog !! Se solo ci fosse una sezione download per scaricare un po’ di “Forza di volontà” per mettere in pratica al meglio tutti i tuoi consigli, sarebbe il massimo ! 😀

  4. admin
    Apr 10 2011

    Ciao Derek,
    ti ringrazio dei complimenti che fanno sempre piacere. 🙂

    Hai ragione, parte tutto dalla volontà. Io posso mettervi a disposizioni le migliori tecniche di studio, come le migliori filosofie di vita (se le trattassi), ma poi occorre quella scintilla personale che metta in moto gli ingranaggi del cambiamento.

    Hantony Robbins, il motivatore più accreditato nel suo campo, dice una cosa molto saggia a mio avviso: “non esistono persone pigre, solo persone che hanno un obiettivo poco motivante”.

    Non ha tutti i torti. Conoscerai almeno una persona pigra immagino. Eppure, nonostante ciò, quella volta, in quella situazione, si è attivato in un modo che non avresti mai pensato, ha tirato fuori quelle caratteristiche di determinazione, volontà ed energia che gli hanno permesso di raggiungere un buon risultato. E’ capitato un po’ a tutti direi. 😉

    Cristian

    P.S. hai già scaricato il mio ebook omaggio su come sfruttare al meglio l’esame orale?

  5. Derek
    May 24 2011

    Ehi ciao Cristian ! Grazie per la risposta ! Torno sul tuo splendido blog in vista della sessione estiva d’esami ! Ormai è un punto di riferimento..rinnovo i complimenti ;)..ho provato a scaricare l’ebook più di una volta ma mi da un errore. Ti contatterò all’email da te segnalata ! Grazie ancora per l’eccellente lavoro che fai !
    Saluti.

    Derek

  6. admin
    May 25 2011

    Ciao Derek,
    grazie dei complimenti. 🙂

    La storia dell’ebook è molto strana.
    Da quando ho aperto il blog, ogni tanto compare questo problema di errore del donwload, per poi riprendere a funzionare qualche tempo dopo, magicamente. Eppure ogni volta il tecnico mi dice la stessa cosa, cioè che da quel che vede lui non ci sono problemi, è tutto ok (ho fatto vedere il blog a 3 programmatori diversi).

    Quindi la soluzione per il momento è quella, se non riesci a scaricarlo scrivimi tramite email che te lo mando manualmente, fintanto che non troveremo il modo di rendere stabile il download almeno.

    Buona giornata

    Cristian

  7. Riccardo
    Sep 26 2011

    Ciao! Ti faccio i complimenti per il sito, unica cosa che mi dispiace, è di non averlo scoperto prima! sono al terzo anno di università, se guardo indietro, mi sembra di non sapere davvero nulla, di non ricordare quasi nulla di tutto quello che ho studiato, anche negli esami dove ho preso voti alti! E’ davvero demoralizzante. Comunque sia, volevo provare con queste mappe. Praticamente dici che per il ripasso funzioni come una sorta di imput che innesca la “reazione”? Mi capita spesso quando ripeto di non saper più cosa dire, butto lo sguardo sul libro e…..”ah si vero!” e riparto a raffica…vorrei non dover seguire il libro ma saper già mentre ripeto cosa viene dopo, o meglio, il concetto generale perchè poi una volta richimato so anche scendere nei dettagli, ma la fatica è proprio richiamarlo. Me l’ha fatto notare anche una prof ad un esame tosto di storia, vedeva che avevo studiato ma doveva prima sempre “punzecchiarmi”.

  8. riccardo
    Sep 26 2011

    Ciao…volevo chiederti se l’indice di un libro può esser utilizzato come mappa mentale. Magari cambiandone la visualizzazione a scaletta. Direi che bene o male i concetti di un testo coincidono col titolo dei paragrafi e dei capitoli no? Grazie! e complimenti vivi per il blog, mi sta dando più d’una speranza per superare tre esami arretrati!

  9. admin
    Sep 26 2011

    Ciao Riccardo,
    grazie della condivisione.
    Si, il ripasso funziona proprio in quel modo.
    Se già usi le mappe con la tecnica del ripasso vedrai un sensibile miglioramento di quello che mi dici.
    Fammi sapere.
    Ciao
    Cristian

  10. admin
    Sep 26 2011

    Alcuni prima di iniziare a studiare fanno una mappa dell’indice del libro.
    Io l’ho fatta un paio di volte ma mi sembrava di perdere tempo.
    Ad ogni modo, visto che ognuno è un mondo a sè, se vedi che schematizzare l’indice ti da maggior sicurezza e padronanza della materia, benvenga.
    Tendenzialmente comunque la mappa dell’indice non si memorizza, serve a te per vedere tutti i vari argomenti e la loro estensione e profondità.
    La puoi comunque sempre tenere accanto quando studi e magari spuntare gli argomenti già memorizzati.
    Insomma spazio alla creatività. Una volta che conosci la tecnica la puoi usare in mille modi. 🙂
    Buona giornata.
    Cristian

  11. francesca
    Feb 23 2012

    Ciao Cristian,grazie per questo post,diciamo che io e lo studio non siamo mai stati sullo stesso piano,beh non mi sarei fermata alla terza media se mi fosse piaciuto studiare,ma forse non ho neanche mai avuto tecniche per studiare,ora lo voglio fare,e voglio vedere se con questo motodo riesco a combinare qualcosa….cmq ti farò sapere… ora leggo altri post…. grazie …Francesca

  12. admin
    Feb 24 2012

    Ciao Francy,
    benvenuta nel blog. 🙂

    Di post su come creare le mappe mentali ne ho scritti parecchi.
    Fammi sapere come va.

    Ti ricordo che puoi anche prenotarti per il prossimo giro di coaching personale.
    Baci.

    Cristian

  13. andre
    Mar 2 2012

    le immagini devono essere messe per ogni parola chiave?
    quando non riesco a crearle che faccio?
    grazie

  14. admin
    Mar 3 2012

    Come ti ho già detto più immagini inserisci più facile sarà ricordare le informazioni.
    Se ti viene un’immagine per ogni parola tanto meglio, ma come sempre non c’è una regola. 🙂

  15. Aida
    Mar 3 2012

    in questi giorni voglio mettere in pratica quello che hai scritto qui,ho stampato anche la griglia per organizzarmi la settimana..ora voglio concentrarmi sulle mappe mentali:ho 3 esami preparati per dicembre e non li ho fatti,a febbraio non li ho fatti ora punto ad aprile!Ma se non ripeto le materie di medicina purtroppo non sai come gestirti poi!

    Grazie!

  16. admin
    Mar 3 2012

    Ciao Aida,
    ricordo che anche la mia istruttrice del corso di memoria al tempo lamentava una certa insicurezza nel preparare gli esami.
    Non a caso si era iscritta ad un corso di memoria, per poi diventare qualche anno dopo istruttrice.
    Pensa come può essere strana la vita. 😉

    Mi fa piacere tu abbia letto tutto il blog. Ora ti consiglio di focalizzarti su 1 aspetto ed approfondire quello. Se cerchi di fare tutto insieme rischi di confoderti.
    Quindi consiglio personale: focalizzati su 1 cosa, può essere le mappe mentali, l’atteggiamento, esercizi di rilassamento… Scegli tu secondo le tue priorità e specializzati. Quando ne diventi padrona procedi al successivo.
    I cambiamenti duraturi avvengono in modo graduale e costante. 😉

    Buona giornata.

    Cristian

  17. andre
    Mar 5 2012

    grazie mille cristian, questo sito è stupendo…se penso che ci sono dei corsi in giro che costano sui 1000 euro.
    io cerco di apprendere dal tuo sito e da alcuni libri.

  18. admin
    Mar 6 2012

    Prego.
    Comunque ti consiglio di non disdegnare anche i corsi.
    Blog e libri non danno quello che può offrire un corso.
    Io del resto ho questa formazione che posso condividere perchè ne ho seguiti di corsi, oltre che letto libri.
    Purtroppo in Italia la formazione personale è sottovalutata ed essendo stato studente so che la prima cosa che si guarda è il costo.
    1000 euro non sono certo pochi, ma bisogna anche vedere quanto ti fa guadagnare quel investimento.

    Buona giornata.

    Cristian

  19. Antonio
    Nov 2 2012

    Ciao, il tuo sito è interessantissimo. Io ho lasciato la scuola da anni, non mi sono neppure diplomato, ora però sto cercando di rimediare cercando di conseguire, fra mille dubbi, la maturità linguistica (sono appassionato di inglese e parlo anche spagnolo anche se non lo uso da un bel po’) Non riesco però a orientarmi bene nel tuo sito, mi pare a volte di trovare soltanto le puntate più “avanzate” di ogni argomento. Dato che il mio studio, almeno per il momento, sarà focalizzato sulla preparazione dell’esame di idoneità alla terza superiore, la parte che più mi intriga è quella relativa alle mappe mentali: da quale post dovrei iniziare? Qual’è invece l’ultimo sull’argomento? Grazie! Hai fatto davvero un lavoro strepitoso nel costruire questo sito. Complimenti.

  20. admin
    Nov 2 2012

    Ciao Antonio e benvenuto nel blog.
    In effetti ci sono più di 100 post in questo blog. Quello che ti consiglio è di andare nella pagina mappa del sito (in alto) e da lì troverai la maggior parte dei post raggruppati per tema.
    Le mappe mentali e le tecniche di memoria sono raggruppate. Prendi la mappa del sito come modello, tutti i post sono ordinati in modo logico e cronologico.

    Buona lettura.

    Fammi sapere le news.

    Cristian

  21. Antonio
    Nov 5 2012

    Ciao Cristian, volevo farti notare che le immagini che hai fornito come esempi ai punti 5 e 7 dello schema sulle mappe mentali portano a una pagina che restituisce un messaggio di “not found”. Comunque, ti ringrazio per questo preziosissimo blog, ottimo lavoro!

  22. admin
    Nov 6 2012

    grazie Antonio sistemo al più presto. 🙂

  23. Nov 13 2012

    Ciao Cristian, prima di iniziare con le mie domande voglio innanzitutto ringraziarti per tutti i tuoi preziosissimi consigli….in precedenza ti ho già inviato delle e-mail, comunque ti ricordo un po’ la mia storia…sono una studentessa di Giurisprudenza, ho lasciato gli studi, ma ora ho deciso di rimettermi a studiare..ed è dura, sono 8 anni che non dò esami e sinceramente ora non so da dove ricominciare….
    Ho letto tutto il tuo blog, stampato, sottolineato e schematizzato:)
    dunque, mancano 3 esami per il traguardo, inizio con procedura civile…ho da porti 2 domande per me fondamentali, in primis, la mappa mentale secondo te la faccio per ogni capitolo o paragrafo?il testo si compone di tanti capitoli e ogni capitolo di tanti paragrafi e in ogni paragrafo mille dettagli, nozioni ecc…(che mi sembra tutto importante tra l’altro), io sarei propensa per fare una mappa per ogni capitolo, il problema si pone per le parole chiave…quale metto, il titolo del paragrafo???E tutto il resto?Poi, per quanto riguarda le parole chiave, faccio uina difficoltà immane perchè è davvero tutto importante e pur impegnandomi seriamente, finisco per sottolineare quasi tutto….scusami Crdammi delle deistian, non so se sono riuscita a farmi capire….ma ti prego dammi delle delucidazioni…:)

  24. admin
    Nov 14 2012

    Ciao Rossella,
    grazie dei complimenti.

    Ti segnalo che ho già spiegato tutto questo in questo post

    http://www.studentiuniversita.com/2011/04/mappe-mentali-parole-chiave/

    leggilo fino alla fine e troverai anche un test per le parole chiave che puoi scaricare gratuitamente.
    Lì metto in campo proprio degli esempi.
    Se ti mancano 3 esami alla laurea vuol dire che ne hai già dati tra i 20 e i 30. Chiediti come facevi, ed in che modo puoi recuperare quelle risorse.

    L’intelligenza non ti manca, le capacità neanche (e lo hai dimostrato visto che il grosso del lavoro lo hai già fatto), ti serve solo forse richiamare più fiducia in te stessa, e di questo ne ho già parlato nella parte dedicata agli obiettivi e motivazione che trovi consultando la mappa del sito

    Buona giornata ed in bocca al lupo

    Cristian

  25. andre
    Mar 26 2013

    le mappe mentali vanno bene per giurisprudenza?

  26. admin
    Mar 27 2013

    Si certo, anzi sono ottime.
    In tutti e 9 gli esami di diritto che ho preparato ho usato le mappe mentali.

  27. san
    Apr 3 2013

    grazie. quante ore al giorn dovrei dedicarmi per diventare bravo?

  28. san
    Apr 4 2013

    ciao grazie. volevo sapere quante ore mi dovrei dedicare al giorno per diventare bravo con le mappe?

  29. admin
    Jun 9 2013

    Tutte le ore che servono! 😉
    Non c’è un monte ore valido per tutti.
    Quante ore di pratica occorrono per diventare bravo a guidare? Boh ognuno ha i suoi tempi. 🙂

  30. san
    Jun 23 2013

    ok
    grazie

  31. elena
    Oct 2 2013

    Ciao! Mi sono appena iscritta alla facoltà di Giurisprudenza e da poco ho scoperto il metodo delle “mappe mentali”. L’ho trovato molto interessante, così ho deciso di informarmi meglio; ho letto il libro di Tony Buzan e ho fatto qualche ricerca sul web, purtroppo faccio ancora fatica a mettere in pratica questo metodo, forse perchè troppo abituata al classico “leggi e ripeti”. La mia domanda è: si può apprendere questa tecnica autonomamente o è indespensabile frequentare un corso apposito? L’altro dubbio riguarda soprattutto l’uso delle mappe mentali per prendere appunti durante una lezione orale, è possibile?

  32. admin
    Nov 12 2013

    Ciao Elena,
    scusa il ritardo della mia risposta.
    Intanto benvenuta nel blog mi fa piacere ti sia stato utile leggere anche i miei articoli a riguardo. 🙂
    Nella sezione mappa del sito trovi molti degli articoli che ho scritto raggruppati per tema, ne scritti 8 sulle mappe mi pare.

    Si può apprendere la tecnica autonomamente senza problemi, youtube può aiutarti in questo caso. Ciò che fa la differenza è poi la pratica.
    All’interno di un corso di memoria la spiegazione della tecnica è uguale a quella che da il libro, con la differenza che se non hai capito puoi chiedere.
    Ad ogni modo una volta che conosci la struttura quello che serve è la pratica! Dal 2002 ad oggi avrò disegnato circa 4000 mappe, l’ultima sabato ad un corso. Così rispondo anche alla tua domanda sul prendere appunti tramite mappe mentali. Non solo è possibile ma ti aiuta anche a mantenere la concentrazione.

    Leggi i miei articoli per approfondimenti.

    Buona giornata

    Cristian

  33. san
    Jun 20 2014

    Ciao, come metto le parole astratte nella mappa? Scompongo la parola, faccio la storiella e poi faccio il disegnino e lo metto nella mappa?

Share your thoughts, post a comment.

(required)
(required)

Note: HTML is allowed. Your email address will never be published.

Subscribe to comments