Skip to content

March 23, 2011

2

servizio studenti 3

Come sta andando l’esercizio sullo stupore? Ne ho parlato in servizio studenti 2, essere curiosi è il primo passo per scoprire quello che l’università ti può offrire oltre alle classiche lezioni. Conoscere il contorno , cioè tutti gli altri servizi , ti sarà di grande aiuto una volta fuori da questo ambiente.

Se non hai ancora letto servizio studenti 2 ti consiglio di farlo prima di proseguire, altrimenti rischi di capire poco di questo post.

Riassunto del post in 4 punti:

Rimanendo aperto al nuovo accumuli esperienze. Il segreto è farsi stupire dalla vita.

Un’esperienza tira l’altra come le patatine.

Senza neanche sapere come, potresti sviluppare esperienze altamente formative che fanno curriculum, come è stato per me il MUN.

Sfrutta adesso l’opportunità di fare esperienza, perchè quando inizi a lavorare non avrai più tempo

Abbiamo visto quindi che ci sono due modi per affrontare l’università: andare a lezione, studiare, passare gli esami e laurearsi; oppure seguire le lezioni, dare gli esami e nel frattempo guardare dentro l’università, come ti ho spiegato nell’ultimo post.

Si ok, ma a che cosa mi serve tutto questo?

Te lo spiego con un esempio.

Qualche anno fa sono andato in erasmus. Tornato ho iniziato a collaborare con un’associazione che si occupava dell’accoglienza erasums nella mia università.

A parte che ho mantenuto allenato inglese e spagnolo che non fa mai male, ma i vantaggi non finiscono qui.

Questa associazione ha poi ospitato l’anno dopo un’altra associazione di americani, che giravano il mondo per insegnare lingua e cultura del loro paese. Ho seguito quindi anche questa iniziativa. Loro mi hanno parlato del volontario europeo (SVE), che è una figura finanziata dall’unione europea e che permette di lavorare all’estero in campo umanitario, avendo vitto e alloggio pagato, più un rimborso spese. La durata massima è di 12 mesi. Dato il momento di instabilità economica del nostro paese, io un pensierino lo sto facendo. 😉

Sono stato anche in Polonia, nella sede principale dell’associazione. Lavoro di giorno e festa di notte, e lì ho partecipato anche al mio primo schiuma party! 😀

Forse ti starai chiedendo quanto tempo e soldi ho speso dietro a tutto questo?! Parto dalla seconda.

Quanto ho speso? 0! Solo nel caso della Polonia abbiamo diviso in 3 le spese del viaggio.

Per quanto riguarda la prima domanda, tradotta vuol dire: beh ma la vita non è solo divertimento!

Infatti, per due anni, sempre con la stessa associazione (ISAWO), ho partecipato ad un evento che fa invidia ad ogni curriculum, sono stato un delegato del MUN (Model United Nations).

E che roba è? 😮

Il MUN è la simulazione del congresso delle nazioni unite. Per 5 giorni vivi un’esperienza internazionale altamente formativa. In pratica chi partecipa rappresenta un paese estero diverso dal proprio. L’obiettivo è sviluppare una ricerca su temi di carattere internazionale come: diritti umani, commercio internazionale, politiche estere ecc… i temi vengono dichiarati con largo anticipo dalla commissione che presenzia il MUN. Una volta conclusa la ricerca ci si incontra per discutere, insieme ad altri delegati di altri paesi, il frutto del proprio lavoro e sviluppare, in un clima di cooperazione, una risoluzione comune.

Il tutto non ha scopo politico ma didattico. Ah dimenticavo di dire che tutto l’evento si svolge rigorosamente in inglese.

Figo, ma a me che me ne frega?! 😀

Insomma, se ti sei fatto questa domanda, mi pare di capire che non ti è ancora chiaro il motivo per cui ti ho raccontato tutto questo.

Te lo spiego in 1 secondo (2, 3, 4… dipende quanto sei veloce a leggere).

Mettiti un attimo nell’ottica dell’azienda. Secondo te, un datore di lavoro preferirà un laureato che ha solo studiato fino a quel momento, magari uscendo anche con un voto alto, od un laureato con un voto magari anche un po’ più basso, che ha impiegato un po’ più di tempo per laurearsi, ma che dimostra nel suo curriculum di essere già sveglio?!

Dipende da chi ti trovi davanti. Ma tieni conto che più ti rivolgerai ad aziende note, più sarà facile che chi seleziona il personale, usi dei filtri che vadano oltre il semplice voto o l’età anagrafica.

Purtroppo ci si accorge troppo tardi di quello che si è perso negli anni universitari. Visto che tu sei ancora in questo periodo, beh perchè non sfruttarlo? Dopo non potrai più farlo!

Certo, non tutti sanno che l’università non è solo esami, esami ed esami, io ci ho messo un po’ prima di capire che c’era dell’altro. Infatti l’obiettivo di questo blog è quello di condividere un po’ della mia esperienza perchè tu possa scivolare più velocemente sui binari dell’università.

Detto questo ti auguro buona giornata, e se ti va di condividere le tue ultime scoperte, lascia pure un commento qui sotto, sarà utile anche per tutti gli altri.

Ciao

Cristian

2 Comments Post a comment
  1. carlotta casali
    Nov 18 2011

    ciao Cristian,
    ho trovato questo tuo interessante post cercando la valenza che può avere nel mio curriculum partecipare ad un MUN. sto cominciando ora a studiare giurisprudenza, e quello che vorrei fare nel mio futuro è laurearmi bene e prendere un master di legge in un’importante università negli stati uniti, che mi consenta di sostenere l’esame da avvocato lì. mi sto chiedendo quindi quanto partecipare ad un MUN possa essere importante nel mio curriculum per accedere ad università del calibro di Harvard, Stanford, Yale, Columbia, NYU e similari. tu cosa sai dirmi grazie alla tua esperienza?
    grazie in anticipo, Carlotta

  2. admin
    Nov 20 2011

    Ciao Carlotta e benvenuta.
    Intanto complimenti per le tue ambizioni, avere un grande obiettivo è il primo gradino per raggiungere grandi risultati.
    Per quanto riguarda la tua domanda, posso dirti che in America i MUN sono presi molto sul serio.
    Gli studenti che partecipano ad un MUN hanno un riconoscimento in termine di crediti, anche se le università più prestigiose riconoscono dei vantaggi accademici solo in caso di vittoria.
    Il MUN più importante è quello di New York al quale partecipano centinaia di delegati da tutto il mondo.
    Fino a 2 anni fa la Bicocca di Milano organizzava un MUN nella sua struttura. Io ho partecipato sia all’organizzazione che come delegato e posso dirti che è stato molto formativo.
    Certo non ti aspettare che di trovarne molti in Italia, è più facile se vai all’estero. In questo senso mi sembra che Olanda e Belgio ospitino diversi MUN ma francamente non so dirti molto altro.
    Se ti servono maggiori informazioni puoi guardare il link che ho inserito nell’articolo, e se sei di Milano posso farti conoscere gli organizzatori del MUN della Bicocca.
    Buona giornata.
    Cristian

Share your thoughts, post a comment.

(required)
(required)

Note: HTML is allowed. Your email address will never be published.

Subscribe to comments