Skip to content

August 8, 2011

7

mappe mentali: dal disegno alla memorizzazione

Domanda: ho difficoltà a memorizzare  le mappe mentali, mi consigli un metodo da applicare?

Questa domanda mi è stata posta qualche giorno fa da un lettore, ma visto che non è facile rispondere in 2 righe, ho deciso di dedicarci un post.

Prima però un riassunto in 8 punti:

  1. prima di disegnare la tua mappa mentale aspetta 12/24 ore per la verifica
  2. con la verifica controlli se ogni parola segnata richiama il concetto
  3. se si vai al punto 5
  4. se no, cambia parola
  5. disegna la mappa mentale usando colori ed immagini (visual)
  6. Memorizza la mappa mentale mentre la disegni
  7. se non memorizzi subito la mappa, perdi circa il 10% al giorno delle informazioni studiate
  8. sfrutta la tecnica del ripasso per fissare nei giorni successivi quello che hai memorizzato

Perchè si possono avere difficoltà a memorizzare una mappa mentale?

Le ragioni possono essere di 3 tipi:

1) difficoltà nell’uso delle strategie di studio

2) problemi legati alla motivazione

3) entrambi

In questo post approfondisco il discorso legato alle strategie. Se pensi invece che sia più un discorso di motivazione, ti invito a leggere questi post:

trovi altri post legati alla motivazione nell’area mappa del sito

Veniamo invece al discorso memorizzazione.

Come mai si possono avere difficoltà a memorizzare le mappe mentali?

Premetto che anche io in passato ho avuto queste difficoltà, quindi quello che ti sto per dire è frutto della mia esperienza.

Il primo motivo, che è anche la chiave della memorizzazione delle mappe è questo: non si è fatta la verifica. Mentre studi, segna le parole chiave ed aspetta 12/24 ore. Se la sera, o il giorno dopo, ogni parola scritta ti richiama il concetto, vuol dire che hai trovato le parole giuste per te.

Invece se anche 1 sola parola non ti torna, necessariamente occorre cambiarla. Io facevo questa verifica su un foglio a parte, ancora prima, quindi, di disegnare la mappa. Solo dopo la verifica creavo la mappa e la riempivo di colori e visual.

Questa è la differenza tra capire ed imparare a memoria!

Mettiamo che ti tornano tutte le parole ed hai ancora difficoltà a memorizzare la mappa, da cosa può dipendere?

Un altro errore che facevo era quello di aspettare di aver disegnato tutte le mappe prima di iniziare a memorizzare. Facendo così però:

1) perdi tutto il vantaggio della tecnica del ripasso

2) la curva dell’apprendimento dice che a distanza di 24 ore ricordi l’80% di quello che hai letto e capito, a distanza di 7 giorni, meno del 10%

Tradotto vuol dure che fai 10 volte più fatica a memorizzare una mappa mentale dopo 7 giorni che non il giorno stesso in cui la disegni.

Queste possono essere le principali difficoltà tecniche nel memorizzare una mappa. Se non rientri in questi casi, ti viene in mente altro, vuoi condividere la tua esperienza, o fare domande, scrivi pure qui sotto.

Buona giornata

Cristian

————————————–

post correlati sulle mappe mentali:

mappa del sito:

7 Comments Post a comment
  1. Max
    Aug 28 2011

    Ok, ma come faccio a sintetizzare le informazioni? Ora io un corso di diritto amministrativo da memorizzare, come faccio a memorizzare 30 pagine di riassunto in una mappa mentale?

  2. admin
    Aug 29 2011

    Ciao Max, grazie della domanda e benvenuto.
    Anche io, quando ancora non conoscevo le tecniche di memoria, ero curioso di vedere e capire come si potevano applicare le mappe mentali ad un argomento così strutturato e complesso come gli esami universitari.
    Quando poi me l’hanno spiegato, anzi quando ho messo in pratica quello che mi avevano spiegato, ho iniziato a constatare che tutto questo non solo era possibile, ma anche facile e divertente.

    Da quel momento ho applicato l’uso delle mappe mentali, combinate alle tecniche di memoria, per circa 35 esami su 45.
    Non solo le ho applicate sugli esami più discorsivi come i diritti, ma anche su quelli più scientifici come matematica e statistica ed informatica.

    Per rispondere alla tua domanda, ho sintetizzato tutto il procedimento di stesura delle mappe mentali in oltre 6 report specifici. Li trovi in fondo a questo articolo, oppure andando su mappa del sito, in alto, e cercando la sezione dedicata alle tecniche di memoria.

    Questo è il blog con le informazioni gratutite più complete sull’argomento. Qui troverai tutte le informazioni base su come costruire una mappa mentale, partendo dalla ricerca delle trovare le parole chiave in un testo, al disegno, alla memorizzazione, fino ai cicli di ripasso.

    La cosa migliore è leggere e sperimentare.

    Cioè mentre leggi le varie indicazioni, tieni accanto un foglio di carta ed una penna, e metti in pratica, passo passo quello che leggi.
    La pratica è l’unico modo per apprendere qualcosa che ancora non conosci.
    Ovviamente, prima di arrivare a sintetizzare un testo universitario, bisogna partire dalle cose più semplici. Fai qualche mappa di prova per capire il metodo, e poi lanciati sui libri di testo universitari.
    Se non dovessero bastare, ti consiglio anche il libro: mappe mentali di Tony Buzan. Ricorda comunque che la cosa più importante è la pratica.
    Fammi sapere come va. 🙂
    Ciao
    Cristian

  3. Giovanna
    Dec 26 2011

    Ciao,
    innanzi tutto complimenti per il blog.
    Sono un’appassionata di libri e blog che trattano di crescita personale,e fra i tanti che ho letto/visitato il tuo è uno dei migliori.

    volevo farti una domanda. Studio legge e sono al quarto anno. Ho un’ottima media, ma non sono affatto soddisfatta del mio metodo di studio. Leggo e ripeto moltissimo. Anche 5/6 ore al giorno. Mi ritrovo la sera senza voce e stufa di tutto quel parlare.
    Alla lunga, inoltre, mi accorgo di non ricordare molto. il chè, come puoi immaginare, è frustrante.
    I post sulle mappe mentali è molto interessante, volevo metterlo in pratica. Ma mi sorge un dubbio.
    supponiamo che io debba studiare un libro di diritto tributario. Il cap 1 tratta dell’aliquota. Bene. leggo una prima volta, la seconda cerco le parole chiave, costruisco la mia mappa, la memorizzo…e?
    e poi? Non potrò mica ricordarmi solo le parole chiave? Come imbastisco il discorso con le sole parole? Mi serve il testo. quindi come mi muovo? tengo sotto gli occhi testo e mappa mentale?

    Capisci cosa intendo?
    spero di essere stata chiara, intanto grazie mille 😉

  4. admin
    Dec 27 2011

    Ciao Giovanna, grazie mille dei bellissimi complimenti e benvenuta. 🙂

    Il metodo vecchia scuola fa parte della cultura un po’ di tutti.
    Ricordo di aver visto solo 1 volta in 5 anni di frequenza universitaria quotidiana, qualcuno studiare usando le mappe mentali.
    Quindi i miei complimenti perchè se hai deciso di passare da un metodo che per te funziona, alla sperimentazione
    di un metodo che può apparire più efficiente, vuol dire che hai una grande spinta al miglioramento.

    Venendo alla tua domanda, come scrivo all’inizio del post, la verifica è una condizione essenziale prima di disegnare la mappa.
    In effetti in altri post ho spiegato cosa si intende per verifica, cliccando tutti i vari link di questo post comunque dovresti trovarla. Ad ogni modo, dato che è un argomento importante, ribadisco il concetto.

    La verifica serve a richiamare il concetto leggendo una sola parola. Parola chiave ha proprio questo significato, è la chiave che apre tutto il discorso.
    Quindi è assolutamente importante ripetere tutto il discorso ad ogni parola che incontri, ed io consiglio di farlo ad alta voce.
    In pratica dovresti arrivare a ripetere tutti i concetti in modo discorsivo semplicemente leggendo le parole chiave della mappa.
    Se qualche parola chiave non ti dice nulla allora è il caso di sostituirla.
    Quando la verifica è terminata e non ci sono buchi, disegna pure la mappa e procedi con la memorizzazione.

    Spero di essere stato più chiaro. 🙂

    Se c’è qualcosa che non ti torna fammi pure sapere.

    Buona giornata.

    Cristian

  5. Giovanna
    Dec 30 2011

    Di nuovo io xD

    Volevo renderci partecipi dei miei “progressi” con le mappe mentali.
    Ho letto attentamente i tuoi articoli, sperimentato 4 mappe mentali, e sintetizzato in questo modo 4 capitoli del mio libro.
    Risultato?
    mmm non lo so! xD
    Nel senso…fino alla fase di messa a punto della mappa ci arrivo…è il post che mi frega. quando ho sotto la matta con le parole, colorata e tutto…panico. vedo le parole ma non so da dove iniziare a ripetere. Il mio testo (o forse la materia) è complicata…e sto iniziando a dubitare che questo metodo possa servirmi per questo esame di diritto tributario.
    i concetti sono troppo difficili e non riesco il più delle volte e sintetizzarli. E poi ho paura di lasciare info importanti nel testo. Di studiare “meno”

    Che consigli puoi darmi?

  6. admin
    Jan 4 2012

    ciao Giovanna, grazie della condivisione.
    Il discorso è lungo e delicato, ora sto preparando un corso per questo we, ne riparliamo lunedì o martedì con più calma. 🙂
    Buon we.

    Cristian

  7. admin
    Jan 10 2012

    Ciao Giovanna,
    grazie delle tua condivisione.
    Ti faccio un po’ di domande per capire dove può essere il problema

    1) quante volte leggi il testo prima di scrivere le parole chiave?
    2) tra la stesura delle parole chiave e il disegno della mappa, fai la verifica?
    3) quanto tempo hai impiegato per queste fasi:
    a. prima lettura
    b. seconda lettura
    c. verifica
    d. disegnare la mappa
    e. ripasso della mappa
    4) usi il ciclo del ripasso?

    Velocemente ti do la soluzione ad ogni domanda, vedi tu dove può esserci una falla.
    1) 2 volte. La prima velocemente senza soffermarsi, e senza sottolineare, la seconda lenta con attenzione ad ogni parola.
    2) Se la rispota è no, ecco il problema. Va fatta la verifica prima di disegnare la mappa, altrimenti sono solo un elenco di parle. La verifica (aspetta 12/24 ore) serve proprio per valutare se le parole richiamano il concetto.
    Se la risposta è si passa al punto 3.
    3) Errore comune è aspettare di aver letto tutto il capitolo o tutto il libro prima di disegnare o colorare le mappe. La cosa migliore è procedere con le 5 fasi giorno per giorno. Se aspetti 1 settimana senza aver disegnato i primi rami della mappa e quindi senza aver fatto il ripasso, rischi di dimenticare quello che hai studiato i primi giorni.
    4) Fondamentale per mantenere le info fresche nella mente.

    Fammi sapere.

    Cristian

Share your thoughts, post a comment.

(required)
(required)

Note: HTML is allowed. Your email address will never be published.

Subscribe to comments