Skip to content

October 18, 2011

come far pace con lo studio 3

clicca qui per leggere il post precedente: come far pace con lo studio 2

Una grande risorsa che aiuta moltissimo nello studio è capire il motivo reale e profondo per cui stai studiando.

Non basta rispondere alla domanda: perchè mi sono iscritto in università, perchè voglio raggiungere la laurea, perchè mi voglio laureare in questo settore. Queste sono ottime domande che ti consiglio sempre ti tenere in mente, ma le risposte rischiano di essere, ancora una volta, solo razionali.

Quello che occorre fare è un brainstorming. Il brainstorming, letteralmente tempesta cerebrale, è uno strumento molto noto ed usato dalle grandi aziende per creare nuove idee. Attraverso il brainstorming oltrepassi la razionalità e lasci spazio alla creatività.

Come funziona nel concreto? Ecco le fasi:

  1. si parte da un tema che vuoi affrontare (es. perchè voglio laurearmi)
  2. fai un respiro profondo e permetti a te stesso che tutte le risposte che arriveranno, verranno scritte. In altre parole metti in tasca i pregiudizi e scrivi tutto quello che ti viene. Tanto nessuno leggerà quello che hai scritto.
  3. se dopo una decina di motivazioni non sai più cosa scrivere, vuol dire che la parte razionale ha esaurito le sue cartucce. Da lì in poi inizia il vero lavoro di creatività. Rimani concentrato e spingi perchè escano tutte le altre risposte nascoste che hai dentro.
  4. l’obiettivo è arrivare a 100 risposte! Come prima volta comunque, anche 50 possono andar bene.
  5. Pretesa minima: decidi, prima di iniziare l’esercizio, qual è il numero di risposte al di sotto delle quali non ti alzerai dalla sedia. La pretesa minima è molto importante, dalle il giusto peso. Non è necessario dichiarare 50 come risposte minime, ma neanche 5. Per es. 25 o 30 può è essere una buona pretesa minima, ma è del tutto soggettivo.
  6. scrematura. Una volta finito di scrivere rileggi la lista e scegli quelle 2 o 3 risposte che senti più vere, pensando alle quali senti il fuoco dentro, insomma quelle che ti motivano veramente.
  7. se non ne trovi, forse è perchè non hai ancora trovato le vere motivazioni. Ti consiglio in questo caso di continuare a scrivere risposte.
  8. Scrivi da qualche parte queste risposte e tienile in vista.

Questo il procedimento, ora vediamo quali temi trattare.

Puoi fare un brainstorming su questi 3 temi iniziali:

  1. perchè ho iniziato l’università,
  2. perchè mi voglio laureare,
  3. perchè voglio passare l’esame che sto studiando

Sono domande importanti che meritano il giusto tempo e le giuste risposte (10 minuti, comunque possono bastare). Se riesci fai tutto nello stesso giorno, ma non è necessario, puoi anche fare questo esercizio in 3 giorni consecutivi o separati.

Vedrai come, avendo una profonda chiarezza sulle motivazioni reali, si accenderà qualcosa dentro che ti porterà a dare di più, ad impegnarti meglio, e ad ottenere migliori performance.

Parte tutto dalla spinta emotiva, se c’è quella, la parte razionale la segue, ma le grandi performance si ottengono facendo parlare il cuore prima della mente.

Per oggi è tutto, la prossima volta vedremo come ancorare le sensazioni positive derivate da questo esercizio. Perchè se è importante trovare le giuste motivazioni è altrettanto importante saper mantenere l’atteggiamento nel tempo.

Ciao

Cristian

Share your thoughts, post a comment.

(required)
(required)

Note: HTML is allowed. Your email address will never be published.

Subscribe to comments