Skip to content

October 5, 2011

6

come passare l’ultimo esame 8

Un valido consiglio per come passare l’ultimo esame è quello di far pace con la materia che stai studiando.

Partiamo da questo postulato: non c’è universitario che non abbia detestato almeno 1 esame.

Questo è normale, e gli effetti sono di studiare con meno voglia ed a volte di dover ridare quello stesso esame. Tutti hanno passato esami che detestavano. Se però sei arrivato all’ultimo od ultimi esami, sei in una situazione di stallo, e per di più quello che devi studiare non ti piace proprio, allora iniziano i guai.

Questa parte non era prevista nel tread come passare l’ultimo esame, ma pensandoci, e ricordando come stavo io quando dovevo studiare informatica (mio ultimo esame), sono arrivato alla conclusione che quanto sto per dirti può essere un valido suggerimento per rompere definitivamente il blocco da ultimo esame.

Devi sapere che per me informatica (programmazione in C), è stato uno scoglio fin dal primo anno. Anno dopo anno seguivo le lezioni, ma non so perchè, a metà corso mi rifiutavo di proseguire, e rinviavo all’anno successivo.

E’ andata avanti così finchè non è rimasto da solo. Ultimo esame da dare! Lo detestavo, non ne capivo il senso, lo ritenevo inutile per noi di economia, infatti ad oggi non conosco altri in Italia che sono costretti a studiare il linguaggio C, come esame di informatica della mia facoltà.

Insomma avevo tutte le ragioni per accodarmi al 99,9% degli studenti della mia università che detestava questa materia (e forse la detestano anche oggi).

Eppure lei rimaneva lì, impassibile. Mi guardava detestarla, senza che questo influisse sul fatto che dovevo passare dalla sua porta per accedere alla laurea. Un po’ come il guardiano del portale.

Potrei dilungarmi su questa metafora, ma preferisco scendere dal mondo esoterico nella materia, per farti una domanda pratica. Rifletti su questo: cosa cambia, in termini di risultati, se odi od ami una materia?

Forse penserai: nulla. La psicologia e la PNL, invece, hanno dimostrato che l’atteggiamento col quale affrontiamo le cose, ne determina il risultato.

Nessuno dice che finchè detesti il tuo esame non lo passerai, altrimenti ci sarebbero molti più non laureati oggi, ma accettarlo farà la differenza sulla qualità del tempo che gli dedichi.

In altre parole, accettare ed accogliere quello che stai studiando, ti fa apprezzare di più la materia, attingi a più risorse dal tuo potenziale, sia come concentrazione, che come memoria che come risultati.

Se fai caso, il primo post che ho scritto sulle tecniche di memoria riguarda proprio l’atteggiamento positivo, quindi l’aver fiducia, il congratularsi dei risultati ecc…

Tanto l’esame è lo stesso sia che tu lo detesti, sia che tu lo accolga. Il guardiano di porta, tanto per riprendere la metafora, svolge sempre lo stesso compito, cioè, vedere se quanto hai studiato lo soddisfa per farti andare oltre. Non gli interessa se lo odi o lo ami, vuole il risultato!

Infatti avere un atteggiamento diverso, fa la differenza solo dentro di te.

Ok, ma se proprio non mi piace questa materia, come faccio a farmela andare a genio?

Io tra le altre, usavo il dialogo interno per convincermene. Del tipo, ogni giorno, prima di aprire i libri dicevo mentalmente: comunque ti accetto e ti accolgo. Anzi ti accetto e ti accolgo! Il tutto accompagnato da uno stato d’animo adeguato.

Questo era uno degli strumenti che usavo. Tu puoi trovare il tuo metodo per trasformare l’atteggiamento da rifiuto ad accoglienza.

Ti ripeto, lo so che passeresti ugualmente questo esame anche continuandolo a detestare, ma da quanto ci stai sotto? E perchè continuare a offrire?

Nella vita troverai situazioni che non ti piaceranno e con le quali dovrai convivere. Quando succederà cambia l’ambiente, e se non puoi, accoglilo!

Purtroppo l’ultimo esame è una di quelle cose che non si possono cambiare. Vedrai che ti insegnerà molto di più questo cambio di prospettiva, che molti esami inutili che hai dovuto studiare.

Con questo post concludo il tread dedicato a come passare l’ultimo esame.

Se hai domande, commenti o suggerimenti, ti invito a scriverli qui sotto.

Se invece ti è piaciuto questo post, clicca su mi piace in alto sotto il titolo. Ci metti 1 secondo ma potresti aiutare tanti amici che si trovano nella tua stessa situazione, ed aiuteresti questo progetto a svilupparsi.

Buona giornata.

Cristian

6 Comments Post a comment
  1. Vince
    Dec 10 2011

    Ciao Cristian, in questo tuo scritto hai spiegato ottimamente come trovare le giuste motivazioni per superare gli ultimi ostacoli.Avrei alcune domande riguardo il traguardo finale – la tesi. Sono domande forse banali, ma credo che ogni studente sia passato da questi dubbi. Arrivo al punto:

    1) qual’è l’iter da seguire per preparare la tesi? Devo fare richiesta in segreteria e poi andare dal prof.?

    2) Come regolarmi per iniziare a pensare alla tesi? Gli ultimi 4 esami?

    3) Se la sessione di laurea è a dicembre ed io ancora a settembre devo sostenere gli ultimi due esami, posso ugualmente laurearmi in quella sessione di laurea?

    Spero tu possa darmi qualche dritta!

    Grazie ancora per il tuo immenso lavoro.

  2. admin
    Dec 13 2011

    Ciao Vince,
    per quanto riguarda la procedura su come presentare la tesi, ti consiglio di guardare sul sito della tua università perchè varia da ateneo ad ateneo.
    Per esempio nella mia università, per chi si vuole a marzo deve presentare domanda in segreteria in questo periodo e poi tutta una serie di adempimenti burocratici.
    In Cattolica invece so che i tempi sono molto più lunghi.
    Io ho iniziato ad interessarmi alla tesi a 5 esami dalla fine, ed ho avuto così anche il tempo di cambiare idea, però l’ho iniziata solo dopo aver sostenuto l’ultimo esame.
    Anche qui non c’è una regola, c’è chi inizia un anno prima quando ancora ha 4 o più esami da dare, chi preferisce fare le cose per gradi e quindi avere la mente sgombra da altri impegni prima di iniziare la tesi.
    Un’idea comunque può essere quella di guardarsi intorno molto prima dell’ultimo esame, anche 1 anno prima, così hai tutto il tempo di decidere.
    Su cosa fare la tesi? Questo è il domandone di tutti gli studenti.
    Anche lì i criteri sono diversi:
    – l’esame che ti è piaciuto di più
    – la materia che pensi ti possa servire approfondire nel mondo del lavoro
    – l’argomento presso cui hai fatto o farai lo stage
    – i settori che tirano di più nel mercato
    – ciò che il mercato richiede e che ancora non è stato offerto
    come vedi i livelli di difficoltà aumentano a seconda della motivazione che ti spinge a preparare la tesi.
    A quel punto bisogna vedere se vuoi fare qualcosa di spendibile anche nel mondo del lavoro o vuoi toglierti di torno l’università al più presto.
    Ciao
    Cristian

  3. Roberta
    Apr 19 2012

    Ciao Cristian, ammetto che sei geniale, ti prospetto il mio problema. Ho l’esame il 21 maggio, ho lasciato 10 giorni per il ripasso, circa 65 pp al giorno, però l’ultima volta la fase del ripasso è stata pesante per la troppa ansia, tu hai qualche consiglio? Se penso che dovrò fare 10 giorni di ansia e di solitudine mi viene male, nei giorni di ripasso mi chiudo e divento irritabile.Vorrei migliorarmi.

  4. admin
    Apr 19 2012

    Ciao Roberta, grazie dell’ammissione! 😀

    Noto che stai seguendo i miei consigli sull’imprevisto, quindi hai già tolto 10 giorni su 30 totali. Quei 10 giorni tolti ti consiglio di non considerarli proprio, neanche per il ripasso.
    Cioè 10 giorni nei quali farai o ti può capitare di fare altro.
    Già questo è un primo punto che puoi considerare. Per esempio ti puoi concedere la domenica come giorno libero di non studio, dove cioè non apri neanche il libro anzi lo nascondi alla vista e l’unica cosa a cui pensi sono i vestiti da mettere per uscire, magari in compagnia del tuo compagno mentre mangi un gelato sotto un sole tiepido. 😉

    Se non ti concedi neanche 1 giorno a settimana per rilassarti, lo studio ne può risentire. Infatti la condizione emotiva ed il rendimento sono fortemente connessi, quando ti senti rilassata è molto più facile apprendere e ricordare, quando sei sotto stress queste funzioni vengono ridotte.

    Io addirittura mi prendevo il we libero, quindi non studiavo nè sabato nè domenica, ma questo è a discrezione personale.

    Altri fattori che possono influenzare lo stato emotivo sono: l’alimentazione, la qualità del sonno e pensieri esterni allo studio.
    Su alimentazione e sonno ho già scritto diversi post che trovi in sequenza andando nella sezione mappa del sito, ricordandoti allo stesso tempo che non sono un medico quindi le info che trovi è riconducibile ad una pura condivisione basata sull’esperienza personale e qualche dato statistico.

    Per quanto riguarda interferenze esterne allo studio si potrebbe dire tanto e per attenuare questo elemento magari potresti fare qualche esercizio di visualizzazione e rilassamento. Su youtube mettendo rilassamento trovi tantissimi video che ti guidano in questo. Stesso vale per ridurre i livelli di stress e di ansia da prestazione e da esame orale.

    Ovviamente oltre tutto questo puoi rileggere l’ebook che hai scaricato gratuitamente da questo blog. Nella seconda lettura troverai sicuramente qualche spunto in più che può aiutarti. 🙂

    Se c’è altro sono qui. 🙂
    Buona giornata.

    Cristian

  5. Giovanna
    Feb 17 2013

    Ciao Cristian complimenti per il blog. Ho un quesito da proporti 😀
    Mi manca l’ultimo esame, diritto penale, che dovrò dare a maggio, nello stesso tempo però l’obiettivo è quello di laurearmi ad ottobre. Come fare per scrivere la tesi e nello stesso tempo studiare per l’esame? Ho paura che se divido le due cose poi non mi rimane tempo per la tesi, considerando che è per la specialistica di giurisprudenza e richiede un certo impegno. Cosa mi consigli? Forse potrei farcela ma devo pianificarmi tutto fin da ora. Tu cosa consigli?

    Grazie

  6. admin
    Feb 21 2013

    Ciao Giovanna se guardi gli ultimi post che ho scritto sono proprio indirizzati alla preparazione della tesi.
    In particolare il tread ultimi esami e tesi risponde proprio alla tua domanda

    http://www.studentiuniversita.com/2012/04/ultimi-esami-e-tesi-4/ qui trovi l’ultimo dal quale puoi risalire ai precedenti.

    Buona giornata.

    Cristian

Share your thoughts, post a comment.

(required)
(required)

Note: HTML is allowed. Your email address will never be published.

Subscribe to comments