Skip to content

April 24, 2012

ultimi esami e tesi 3

 ultimi esami e tesi 1 ed ultimi esami e tesi 2

L’ultima volta ti ho lasciato dei suggerimenti sulle strategie di approccio alla tesi, sia che ti manchino degli esami sia che li hai già dati tutti. Oggi invece ti svelo una chicca che probabilmente non hai letto da nessun altra parte. Un segreto importante per avere un atteggiamento produttivo verso la tesi.

Da un punto di vista emotivo, se hai già iniziato lo sai, tutto il lavoro di tesi passa da diverse fasi:

1) prima fase: eccitazione ed entusiasmo per la novità

2) seconda fase: panico o fatica o rifiuto rifiuto e noia

3) terza fase: ripresa, interesse e piacere

4) quarta fase: conclusione, preparazione alla discussione e senso di soddisfazione

La maggior parte di chi ha dato la tesi ha passato tutte e quattro queste fasi. Già i titoli sono esplicativi, ad ogni modo te li spiego brevemente.

1) I primi giorni non vedi l’ora di iniziare, hai scelto il professore ed avete concordato l’argomento di tesi. Inizia quindi la tua ricerca sul materiale. Ti senti molto attivo, passi molto tempo sia al computer che in biblioteca per capire il campo d’azione della tesi. Finita la ricerca inizi a scrivere qualcosa per fissare le idee.

2) A questo punto possono succedere diverse situazioni. Hai iniziato a scrivere qualche pagina ma ti sembra di aver già concluso, non sai come andare avanti e si genera una sorta di blocco creato da un momento di panico e sconforto. Oppure l’eccitazione inizione iniziale scompare perchè ti rendi conto che la fase di ricerca porta con se una grande fatica che ti mette a dura prova e magari quello che hai scoperto finora invece di rivelarsi interessante ti annoia o peggio non ti piace proprio.

3) Del resto hai preso un impegno e se ti vuoi laureare la tesi va elaborata, presentata e discussa. Quindi spesso è questa la motivazione che ti spinge a progeseguire i lavori anche se una parte di te non ne “vorrebbe mezza”. Grazie a questa costanza poco per volta esci da questa fase down e ritorna l’interesse ed a volte la passione per il lavoro che stai portando avanti.

4) I giorni passano veloci in questo modo ed a fine giornata ti senti soddisfatto per quanto sei stato produttivo. Passano così le settimane, tra ricerche, confronti col professore, chiaccherate nei corridoi con chi sta preparando la tesi come te, magari con lo stesso prof, correzioni, approfondimenti e sviluppi… ed arrivi senza accorgertene a pochi giorni dalla discussione di laurea… ma questo è un altro file.

Queste sono molto brevemente le 4 fasi che la maggior parte dei laureati ha superato prima di accedere al mondo del lavoro da “dottore”. Si potrebbe approfondire il tema, e se un certo numero di persone mi manifesterà l’interesse a riguardo se ne può parlare, altrimenti passerò oltre.

Quello di cui ti sto per parlare invece viene prima di queste quattro fasi ma in un certo sento va oltre.

In altre parole ti sto per svelare qual è la domanda chiave che dovrestri farti prima di iniziare la tesi. Molti infatti preferiscono prepararla col professore che più gli è piaciuto o nella materia nella quale hanno preso il voto migliore. Altri puntano invece ad un lavoro facile e veloce in una materia poco impegnativa. Tutte strategie valide ed ammissibili, ognuno conosce la propria situazione meglio di chiunque altro e spesso ci sono situazioni esterne e contingenti che ti spingono a dover prendere una scelta piuttosto che un’altra.

Chiaramente non posso conoscere la tua situazione, ma se puoi scegliere, sperimenta questo nuovo approccio che ti sto per dire e probabilmente ti tornerà utile anche in futuro.

La scelta della materia e del titolo su cui svolgere le mie ricerche di tesi è partito da un ragionamento di questo tipo: dato che devo investire diversi mesi del mio tempo in una ricerca, e dato che alla fine di tutto questa ricerca viene altamente ricosciuta a livello accademico e ben vista spesso dal mondo del lavoro (infatti sempre più spesso le aziende chiedono di inserire anche il titolo di tesi nel CV), allora vale la pena unire le due cose e sviluppare un prodotto che possa essere spendibile nel mondo del lavoro.

In pratica la domanda è stata: perchè fare una ricerca che ha un alto valore accademico e mi costa tempo e fatica per poi chiuderla in un cassetto? Tanto vale fare qualcosa che anche il mercato del lavoro possa apprezzare e magari può diventare il mio primo prodotto in vendita (come libro, ebook, video, progetto o prodotto fisico…)

Questa riflessione si è poi concretizzata nello sviluppo di 4 fasi.

fase 1: stabilisci un’area di interesse su cui vuoi elaborare la tesi

fase 2: data l’area di interesse fai una ricerca di mercato per capire qual è il desiderio latente degli utenti ai quali ti rivolgi con questo prodotto

fase 3: trova il professore e/o la materia che ti permettano di sviluppare le ricerche in tal senso

fase 4: trova l’approvazione del professore e buon lavoro! 🙂

Anche queste 4 fasi meriterebbero degli approfondimenti, ed infatti sto scrivendo un ebook proprio su questo! 😉

Intanto se ci sono domande puoi lasciarmele qui sotto o scrivermi a universitastudenti@gmail.com

Per ora è tutto ti auguro una buona giornata.

A presto.

Cristian

 

Read more from tesi

Share your thoughts, post a comment.

(required)
(required)

Note: HTML is allowed. Your email address will never be published.

Subscribe to comments