Skip to content

Posts tagged ‘riforma universitaria’

10
Dec

università e futuro

Ciao,

in questo blog ho già parlato di quello che l’università può dare come futuro, a livello pratico ad uno studente.

Mi hanno segnalato un video molto interessante che ti consiglio di guardare. Parla proprio delle università, dei loro pregi e difetti.

situazione universitaria in italia

Ti consiglio di ascoltarlo senza identificare politicamente chi te lo racconta. Non è importante a quale partito appartiene, sono più importanti le parole che dice.

Tranne sulle ultime battute come soluzione per una migliore università, concordo con buona parte delle premesse e considerazioni fatte circa l’università in Italia.

Guardarlo può darti qualche spunto di riflessione in più.

Buona visione

situazione universitaria in italia

Cristian

7
Dec

tagli all’istruzione e alle università

E’ noto quello che sta succedendo in queste settimane circa i tagli all’istruzione e soprattutto alle università.

Già l’anno scorso gli studenti avevano manifestato per una riduzione drastica delle sovvenzioni statali.

Sembra che questo governo non abbia molto a cuore la qualità dell’istruzione che i giovani possono ricevere.

Pensa che la Cattolica di Milano è quella più colpita dai tagli.

Di seguito trovi l’articolo riguardante la perdita di 50 milioni di euro dell’istituto.

clicca qui

Ancora una volta questo vuol dire che non possiamo aspettarci grandi aiuti dal governo.

Purtroppo i parlamentari hanno altri interessi e quelli, non voglio dire dei cittadini, quindi diciamo degli studenti, passa in secondo piano.

La riforma Gelimini sta dando tanti problemi, alcune università hanno già accusato il colpo dall’anno scorso, altre riesco bene o male a barcamenarsi ancora in altri modi, ma sicuramente ogni istituto di queta nazione è stato colpito da questi decreti.

Ad onor del vero, delle cose buone sono state portate dalla riforma, come il divieto di assumere parenti entro il quarto grado e lo sblocco delle assunzioni per i ricercatori.

Le cattive notizie però non si fanno attendere. Il taglio indiscrimanto e generale dei fondi alle università, in particolare, riduce di molto la capacità di manovra degli istituti.

Per approfondimenti sul decreto Gelmini clicca qui.

Questo ovviamente oltre a sollevare dissensi e proteste ha creato anche qualche tensione.

Milano, Bologna, Roma…dappertutto si manifesta un dissenso generale verso questa riforma che sembra non essere stata molto apprezzata dagli addetti ai lavori…ma come ogni volta… una volta che un politico ha in testa di fare una cosa, almeno in Italia, 9 su 10 la fa, fregandosene un po’ del resto.

In sostanza, un cosiglio spassionato agli universitari. Lascia perdere l’idea che il governo possa sollevare le tue condizioni economiche e lavorative, e debba darti la possiblità di trovare un lavoro dopo la laurea.

Non è mai stato così, e per quanto ingiusto possa essere, le cose non sembrano cambiare. Però puoi puntare se qualcuno di molto più affidabile, sai chi è?

Mi sa che l’hai capito…si tratta di te stesso!

Che cosa è per te l’università? Luogo di apprendimento? Di scambio? Un posto dove ottenere un titolo?

Per me l’università è stata ed è uno strumento, non il fine. Pensare: mi laureo e poi lo stato, gli amici, la famiglia, il fato…penserà al mio lavoro, può risultare limitante, rispetto a tutto quello che puoi prendere dalla formazione universitaria.

Tipo? Tipo giocare con chi ha il potere!

Che voglio dire? Voglio dire, come ho scritto nell’ebook che puoi scaricare gratuitamente sulla tua destra intitolato:“esame orale: un gioco di ruolo tra studenti e professori”, che gli anni universitari possono essere un cuscinetto della vita, dove scoprire, interagire, goderti il gioco degli esperimenti e osservarne gli effetti.

Terra terra…se provochi un professore, che nella tua realtà è colui che detiene il potere, visto che decide se promuoverti o meno, e lui ti boccia, beh ti è andato male 1 appello ma non è successo nulla tutto sommato. La volta dopo magari capisci come provocarlo nel modo giusto, affinchè non si senta minacciato ed allo stesso tempo venga stimolato a darti un voto più alto. Ti ho spiegato la teoria dell’interrogazione d’attacco. Metterla in pratica poi è un altro discorso, siamo d’accordo, ma anche quello si impara.

Perchè farlo? Perchè quando inizierai a lavorare, saprai come rivolgerti al capo o al collega anziano in modo da portare rispetto ed allo stesso tempo farti rispettare. Ti assicuro che al mercato del lavoro una persona così piace molto.

Ecco per esempio una peculiarità, un punto di forza, che misura il tuo valore oltre alla tua competenza, in un mondo del lavoro fin troppo concorrenziale.

Ecco cosa vuol dire che non saranno i politici a trovarti lavoro, ma sarà l’esperienza che ti sei fatto aprendo gli occhi nel mondo universitario, se hai deciso di intraprendere questa strada.

In questo modo studiare, avvicinarsi alla tesi, dedicare tempo e fatica ad un progetto, diventa più stimolante, più divertente e più formativo ed ha uno scopo, qualsiasi cosa accada dopo!

Ricorda: possono portarti via tutto ma non la tua formazione!

In alternativa, studia quanto basta per passare l’esame, rimani nella massa, non fare domande a lezione, non ti distinguere, passa tutti gli esami al primo colpo, laureati e spera (:o) di trovare lavoro.

Però se sei arrivato a leggere fin qui, vuol dire che probabilmente ti piace di più la prima opzione. 😉

Non ti preoccupare, non ci si forma in 1 giorno, ed oggi gli strumenti non mancano, basta decidere di andare loro in contro. Se lo vuoi, questo blog può essere uno di quegli strumenti, e se vuoi lasciami un messaggio o mandami un’email a studentiunversita@gmail.com e vedrò come poterti aiutare.

Cristian